Come prevenire la vaginosi batterica

La vaginosi batterica o VB è uno squilibrio della flora vaginale ed è una delle infezioni intime più comuni tra le donne. Vi è una diffusa convinzione che la vaginosi batterica sia una malattia sessualmente trasmissibile, ma non è così. La VB si verifica anche in donne che non hanno rapporti sessuali, o che hanno una relazione stabile da anni. Inoltre, la vaginosi batterica non si trasmette da una persona all’altra.

La vaginosi batterica è una crescita eccessiva di batteri nocivi. In un ambiente sano, i batteri nocivi sono tenuti sotto controllo dal basso pH vaginale dovuto all’acido lattico, prodotto dai lattobacilli (batteri buoni). Il pH vaginale può, tuttavia, aumentare (e l'acidità è ridotta) a causa della riduzione del numero di lattobacilli dovuta a un trattamento antibiotico, o per la neutralizzazione dell’acidità da parte del pH alcalino del liquido seminale. In questa situazione, i batteri nocivi possono cogliere l'opportunità di crescere e causare disturbi vaginali.

I sintomi più comuni di VB includono cambiamenti nelle perdite (che diventano bianche o grigie, schiumose), variazioni nell’odore (di solito forte e simile a quello di pesce), bruciore durante la minzione, prurito e irritazione nell’area vaginale. Alcuni di questi sintomi sono simili a quelli provocati dalla candida per cui, prima di iniziare la terapia appropriata, è molto importante la diagnosi corretta.

Tuttavia, ci sono delle attenzioni o comportamenti che possono aiutare a prevenire la vaginosi batterica.


"E’ molto importante fare attenzione ai sintomi di una vaginosi batterica e sapere quando è il momento giusto di consultare lo specialista"


Cosa puoi fare per ridurre il rischio di vaginosi batterica?

  • Educare se stesse - questo è il primo passo nella giusta direzione! È molto importante fare attenzione ai sintomi di una vaginosi batterica, e sapere quando è il momento giusto per consultare lo specialista.
  • Praticare sesso sicuro - limitare il numero di partner, e utilizzare sempre una protezione adeguata.
  • Cercare di non irritare l’area vaginale. E’ consigliabile evitare le vasche idromassaggio termali, utilizzare un detergente intimo di origine vegetale senza sapone e privo di prodotti chimici aggressivi, scegliere salvaslip e assorbenti senza profumo. Ricordarsi di asciugare bene l’area intima dopo la doccia, tamponando delicatamente con un asciugamano morbido e pulito.
  • Scegliere biancheria intima di cotone, invece di quella realizzata con materiali sintetici. I tessuti sintetici impediscono alla pelle di "respirare", alzano la temperatura e l'umidità, e creano l'ambiente ideale per lo sviluppo dei batteri. Inoltre, è consigliabile dormire senza biancheria intima, per quanto più possibile.
  • Un modo adatto ad impedire le ricadute di vaginosi batterica consista nello stimolare lo sviluppo della flora protettiva, costituita dai lattobacilli. La stimolazione della flora di lattobacilli può essere ottenuta utilizzando prodotti prebiotici che supportino i lattobacilli fisiologici. Inoltre, potrebbe essere preso in considerazione l'utilizzo di prodotti di origine vegetale che trattino la VB, ma che non vadano a inibire l’azione dei lattobacilli