Prurito vaginale:
quali sono le cause?

Forse, uno dei più fastidiosi disturbi intimi è il prurito. Può essere molto imbarazzante e avere un forte impatto sulle tue attività quotidiane. Prima di intervenire sul prurito vaginale, è meglio capirne le cause: ecco le più frequenti.

Infezioni micotiche vaginali

Una delle principali cause di prurito vaginale è una micosi dovuta a un particolare lievito, la Candida albicans, che prolifera eccessivamente nell'area vaginale e/o nella zona intima esterna, provocando un’infezione. Insieme a una secrezione bianca e friabile associata a bruciore, il prurito è uno dei sintomi.

Una micosi vaginale è abbastanza innocua e i sintomi tendono a svanire con il tempo, ma può essere molto fastidiosa. Ci sono diverse opzioni per il trattamento della Candida o per alleviare i sintomi. È possibile utilizzare farmaci antimicotici per trattare l'infezione.

Secchezza vaginale

Un'altra causa di prurito è la secchezza vaginale. La maggior parte delle donne associa questo problema alla menopausa, tuttavia possono soffrirne le donne di qualsiasi età. Oltre al prurito, la secchezza vaginale può essere associata ad altri disagi come bruciore, fastidio e dolore durante il rapporto sessuale.


"Una delle cause principali di prurito vaginale è un'infezione micotica, nota anche come candidosi."


La secchezza vaginale si presenta di solito quando c’è un calo nel livello di estrogeni, ad esempio per via di una gravidanza, oppure in concomitanza alll’uso di alcuni farmaci (contraccettivi), in caso di stress, depressione o durante la menopausa. Per trattare la secchezza vaginale esistono farmaci che aumentano il livello degli estrogeni. Un’altra possibilità è utilizzare dei prodotti appositi ad azione lubrificante o che stimolino l'idratazione.

Altre cause di prurito vaginale

Oltre alle micosi vaginali e alla secchezza, vi sono altre possibili cause di prurito vaginale. Benché non molto frequentemente, anche una vaginosi batterica può in alcuni casi generare prurito. La vaginosi batterica è un’infezione causata da una proliferazione eccessiva di batteri patogeni nell'area vaginale.

I sintomi, forte odore di pesce e secrezioni bianco-grigiastre, possono essere piuttosto fastidiosi, ma si esauriscono dopo qualche tempo. Per trattare una vaginosi batterica si possono assumere antibiotici e utilizzare prodotti con origine vegetale.

Infine, il prurito vaginale può essere causato dall’irritazione dovuta a sostanze chimiche presenti nei saponi o nei profumi, o a una malattia sessualmente trasmessa. Se hai il sospetto che si possa trattare di una malattia sessualmente trasmessa, contatta il tuo medico.