Irritazioni vaginali e gonfiori (grandi/piccole labbra)

Le irritazioni vaginali possono essere fastidiose, ma più spesso sono molto dolorose e pesano sulla qualità della vita. I gonfiori (grandi/piccole labbra) possono causare notevole disagio e nervosismo, poiché rendono difficile star sedute o non permettono di indossare i pantaloni preferiti a causa dello sfregamento. Questa condizione è spesso accompagnata da altri sintomi, come bruciore e prurito vaginale.

Quali sono le cause del gonfiore ?

Ci sono numerose cause per questo problema, alcune delle quali sono:

  • Irritazione o reazione allergica. In questi casi, l’irritazione è molto probabilmente causata da un prodotto come un sapone, un bagnoschiuma, una lozione, uno spray vaginale ecc.. Tutti questi prodotti possono contenere sostanze chimiche aggressive in grado di irritare la pelle delicata delle zone intime, provocando gonfiore e dolore. A volte questo tipo di reazione può avvenire con prodotti anche in uso da anni.
  • Il gonfiore si verifica dopo l’attività sessuale? Può trattarsi di allergia al lattice utilizzato nei preservativi, a un lubrificante o al liquido seminale del partner. Il gonfiore può verificarsi dopo un’attività sessuale più intensa, in particolare se non è stato usato un lubrificante e la naturale lubrificazione vaginale non è sufficiente.
  • Infezione micotica. Questa condizione può essere riconosciuta da perdite bianche e spesse, dalla consistenza simile a una ricotta.
  • Vaginosi batterica. Tra i sintomi ci sono spesso perdite di colore che va dal bianco al giallognolo, associate a un forte odore di pesce.
  • Gravidanza, durante la quale la pressione sugli organi riproduttivi aumenta per il peso del nascituro che riduce la circolazione, causando gonfiore e dolore a livello vulvare.
  • Parto. A volte può manifestarsi un danno ai tessuti che successivamente genera gonfiore e dolore.

"Le cause dei gonfiori possono essere sono molte, tra cui irritazioni, rapporti sessuali e infezioni."


Come si previene il gonfiore?

Evita di utilizzare prodotti con detergenti troppo forti, sostanze chimiche aggressive, profumi o coloranti. Nel caso si presenti irritazione subito dopo l’applicazione di un particolare prodotto, sciacqua accuratamente e al più presto la zona per rimuoverlo e minimizzare i danni. Poi, si può applicare un prodotto lenitivo di origine vegetale, per aiutare a ridurre i sintomi e ad aumentare la velocità di recupero. Scegli un detergente intimo che contiene detergenti delicati e senza profumi o conservanti.

In caso di secchezza vaginale, si può utilizzare un lubrificante durante i rapporti sessuali o applicare quotidianamente un idratante vaginale per un effetto più a lungo termine. Se invece è già in corso un’irritazione, meglio evitare di avere rapporti sessuali finché l’area guarisce e i sintomi scompaiono.

Nei casi di infezioni micotiche o di vaginosi batteriche, è consigliabile consultare il medico per la terapia adeguata. Si può anche utilizzare un prodotto a base di prebiotici che favorisca la crescita dei batteri buoni e aiuti a ristabilire la flora vaginale.

Evita di indossare abiti stretti, in particolare durante l’irritazione. Accertati di avere indumenti intimi in fibre naturali (il cotone permette la traspirazione della pelle, mentre i materiali sintetici possono solo aumentare l’irritazione). Cerca di dormire senza indumenti intimi per consentire alla pelle di respirare e rigenerarsi durante il sonno.

Se soffri di gonfiori, prova a rinfrescare la zona irritata (si possono usare compresse fredde o del ghiaccio). Il freddo riduce il gonfiore e allevia temporaneamente il dolore.

Evita di strofinare l’area irritata, questo può infatti danneggiare i tessuti e peggiorare i sintomi.

Se il gonfiore dura più di una settimana, assicurati di consultare un medico per capire la ragione del problema.